di Gloria Callarelli (foto: Tsargrad)

Nella sala del cluster Lomonosov a Mosca è iniziato, in queste ore, il Secondo Congresso del Movimento filorusso internazionale. Centinaia gli ospiti provenienti da Europa, Africa, Asia, America Latina, mondo islamico e Usa.

Come riporta il live di Tsargrad, dopo il discorso di Putin sono molti gli interventi importanti. Zakharova, rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, ha spiegato: “La vera maggioranza globale non si riunisce a Davos o alla Conferenza di Monaco. Questi club rimarranno chiusi. La nostra formazione è aperta a tutte le persone di libera buona volontà”.

Monsignor Viganò ha aggiunto: “C’è la graduale eliminazione delle sovranità nazionali da parte dell’Occidente e l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale con governi fantoccio. E anche la morte di gran parte dell’umanità a seguito dell’attuazione dell’ “agenda 2030” adottata dal forum dei globalisti di Davos”.

Kostantin Malofeev, direttore di Tsargrad, ha quindi messo i puntini sulle “i” riassumendo tutti i passaggi più importanti della lotta all’agenda 2030. Si legge: “Penso che tutti in questa stanza siano ben consapevoli che l’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata creata con i soldi dei Rockefeller, e ora il suo sponsor principale è la Fondazione Bill Gates. Pertanto, le società transnazionali e le organizzazioni internazionali si sono fuse da tempo e servono gli interessi dell’élite globalista. L’OMS ha recentemente adottato la Classificazione internazionale delle malattie n. 11 (ICD-11), che escludeva la perversione dai disturbi mentali e la pedofilia ha cessato di essere una malattia, ma è diventata solo un disturbo. Questa non è l’imposizione di nuove norme sociali, ma piuttosto è l’abbandono di Dio e l’incarnazione del satanismo”.

Al forum Multipolarità verrà presentata anche la proposta di Roberto Fiore , leader di Forza Nuova, per quanto riguarda l’agricoltura italiana: un intervento russo di 50 miliardi di euro per rigenerare l’agricoltura del nostro territorio e conseguentemente il suo tessuto sociale, roso da anni di capitalismo e politiche distanti dalla terra. Un assist al mondo russo che permetterebbe all’Italia un graduale allontanamento dal mondo occidentale diabolico che sta portando il nostro Paese sul baratro ma che, allontanando la Russia, si sta gradualmente allontanando da tutto per restare accartocciato su se stesso. Un suicidio conclamato, una morte che al forum sanno avverrà molto presto.

 

Share via
Copy link
Powered by Social Snap